Concorso Enologico “Matilde di Canossa, Terre di Lambruschi”

_MG_9392

Finalmente un Concorso Enologico sul Lambrusco, finalmente ci siamo arrivati, dopo 13 edizioni del Palio dei Vini Frizzanti, che pur volendo essere un concorso anch’esso nazionale, non riuscì in verità mai a sfondare i confini della Provincia, forse perchè senza traino di un vitigno-vino che potesse destare attenzione, forse perchè troppo generico il tema d’allora, poi assorbito nel mare magnum del Concorso Vinitaly, dove tra migliaia di altri vini, i frizzanti si persero.

Ma il LAMBRUSCO?! Quello di cui molti oggi parlano? La qualità professata e sovente riscontrabile anche in vini dalle super produzioni e dai bassissimi costi, che in tempi odierni non guasta? Vino Moda e Giovane del Momento? Noi tutti ce lo auguriamo, anche per arrivare a maggiori soddisfazioni per i nostri molti soci delle cantine Cooperative, o di quei bravi produttori individuali che ci credono e che non sono mai riusciti a creare Sistema.

E così fu: un giorno l’attuale Illuminato Presidente della Camera di Commercio di Reggio Emilia, volendo creare un nuovo concorso per valorizzare soprattutto le nostre terre e le nostre cantine, interpellò noi dell’Ais per aiutarlo nell’impresa, e nacque così l’idea di concentrare gli sforzi sul Lambrusco: creando una selezione pubblica di prodotti che potessero essere considerati la miglior produzione annuale del vino in oggetto, suddiviso per  categorie.

Il miglior 30 % dei prodotti presentati riceverà MERITO e MENZIONE per potersi effigiare del Marchio TERRE di LAMBRUSCO: quelle di Reggio, Modena, Mantova, Parma, che saranno le uniche, CLASSICHE, chiamate a partecipare, con l’invio, da parte di tutti i produttori dei campioni entro metà maggio.

Le selezioni? Nel Castello Matildico del Bianello, poichè il Concorso è dedicato alla Contessa Matilde, regina d’Italia e delle Terre del Lambrusco.

Il marchio vede proprio lei a cavallo con in mano un calice…….di lambrusco??! Speriamo!

Quindi ne scaturirà una guida, in 3 lingue tradotta, che recherà solo quel buon 30% di produzione marchiato con la Matilde, e il sito ufficiale: www.conocorsolambrusco.it, che conterrà i vini selezionati e diventerà contenitore di tutto ciò che ruota attorno alle Terre del Lambrusco. L’EVENTO pubblico, aperto a tutti coloro che vorranno conoscere i risultati sarà per il 26 giugno, al castello del Bianello di 4 Castella, dove dalle ore 11.00 ci saranno le premiazioni, seguirà una tavola rotonda con Raspelli e autorità locali e del vino, gran buffet gastronomico offerto ai partecipanti e banco d’Assaggio dei vini Lambruschi celebrati.

Infine l’impegno di Camera di Commercio di Reggio Emilia, di portare questa buona selezione alle maggiori fiere di settore: Bordeaux, Dusseldorf, San Paolo del Brasile, e già il prossimo giugno a Nizza per l’Italia in Tavola. Insomma un progetto ampio, articolato e dedicato, di cui il Concorso segna solo la necessaria partenza di individuazione annuale della Qualità Lambrusca nel bicchiere.

Tutti chiamati il 26 al Bianello, MI RACCOMANDO!

Share

Comments are closed.

TWITTER

Emiliabyfood Friends

Animated Tag Cloud

FOTOGRAFIE da Flickr